Spedizioni 7,50€, gratis con ordini di almeno 69€

Caffè Arabica e Robusta come riconoscerli e chi li coltiva

25 febbraio 2020

Caffè Arabica e Robusta come riconoscerli e chi li coltiva

Caffè Arabica o Robusta? 

Quante volte abbiamo sentito questi termini e quante volte ci siamo chiesti quali siano le differenze tra queste due origini. Molto spesso infatti si continua a far confusione tra le due varietà e sovente i produttori ed i rivenditori danno per scontato che il consumatore ne conosca le caratteristiche principali. In questo breve articolo cerchiamo di fare un po' di chiarezza.

I principali produttori

I principali Paesi che si dedicano alla coltivazione del caffè sono L’Africa, parte dell’Asia e l’America centro-meridionale. Il principale produttore di caffè Arabica è certamente il Brasile che lo scorso hanno ha prodotto quasi 60 milioni di sacchi. Il Vietnam invece è il maggiore produttore di caffè Robusta ed ha convertito la quasi totalità delle coltivazioni di tè con quelle di caffè e che attualmente produce più di 30 milioni di sacchi all'anno.

Caffè Arabica

Quando si parla di caffè Arabica ci si riferisce alla qualità più pregiata che a dispetto del nome non è originaria dell’Arabia Saudita, ma dell’Etiopia. Molti secoli addietro infatti la pianta fu portata dal territorio etiope all'odierno Yemen, dove trovò terreno adatto alla sua coltivazione. L’immediato successo della bevanda ha fatto sì che la sua coltivazione si sia estesa sempre di più a partire dal 1650 ed oggi questa varietà è diffusa sia in Africa, che in America centrale con interessanti coltivazioni anche in alcune regioni asiatiche.

Caffè Robusta

Anche la varietà Robusta è originaria dell’Africa ed il suo nome deriva dalla naturale resistenza della pianta ai parassiti, alle malattie ed agli sbalzi climatici. Questa varietà, rispetto a quella Arabica, cresce molto più rapidamente e sa adattarsi meglio all'ambiente. Le sue peculiarità ne hanno facilitato la diffusione, non solo in buona parte del continente africano, ma anche in America centrale ed in parte del sud-est asiatico. Il chicco è generalmente più piccolo e più tondeggiante rispetto a quello delle piante Arabica.  

Caffè Arabica e Robusta: differenze di gusto

Al di là delle peculiarità delle piante e delle zone di coltivazione la differenza principale tra le due varietà si identifica sostanzialmente nel sapore. L’Arabica, oltre a contenere generalmente meno caffeina, si presenta con un gusto di base più dolce ed un’acidità più marcata. La Robusta, di contro, è una bevanda più corposa e leggermente più amara. Ciò è dato principalmente proprio dalla maggiore concentrazione di caffeina.

Generalmente le varietà Arabica hanno un contenuto di caffeina che va dal 0,9% al 1,7%. mentre le varietà Robusta presentano concentrazioni di caffeina anche doppie se non addirittura triple con valori compresi tra l’1,6% fino al 3%.

Proprio il contenuto di caffeina e le caratteristiche principali delle due piante, pur tenendo in considerazione i gusti personali e le abitudini al consumo possono portarci a dichiarare, in linea di massima, che le miscele ad alta percentuale di varietà Robusta sono la scelta ideale per chi ama una bevanda corposa e cremosa, mentre quelle Arabica sono da preferirsi da chi predilige un caffè più delicato e dolce.

Recensioni Verificate