PROMO DI MAGGIO: Spedizioni gratis sopra i 29€

Il caffè in capsule scade? Tutto quello che devi sapere

05 maggio 2022

Il caffè in capsule scade? Tutto quello che devi sapere

Il caffè è la bevanda più diffusa al mondo dopo l'acqua, considerato che ogni giorno, sull'intero pianeta Terra, se ne consumano oltre 1.6 miliardi di tazze. 

Grazie al sapore intenso e unico che sono in grado di sprigionare, uno dei modi più utilizzati per preparare il caffè è attraverso le capsule di caffè

A questo proposito, molto spesso ci si chiede: il caffè in capsule scade o possiamo goderne dei benefici anche dopo tanto tempo? 

Il caffè in capsule scade?

Come tutti noi sappiamo, sopra ai prodotti alimentari e non, è presente la data di scadenza, oltre la quale non ne viene consigliato il consumo. Lo stesso vale per le capsule?

Innanzitutto, dal punto di vista organolettico, quello nelle capsule è da paragonarsi al caffè in moka che, una volta superata la fatidica data di scadenza, inizia lentamente a perdere le sue caratteristiche aromatiche

Tuttavia, la data non coincide con l'inizio della sua deteriorazione, in quanto, a patto che il prodotto risulti integro e quindi non esposto all'esterno, può durare anche per più tempo.

Per meglio comprendere questo concetto, è giusto soffermarsi su due differenti didascalie: la data di scadenza e il termine minimo di conservazione (o TMC). Quest'ultima sigla, indicata dal produttore, rappresenta la soglia oltre la quale il prodotto inizierà inevitabilmente a perdere le sue caratteristiche organolettiche: prendendo come esempio le capsule da caffè, questo periodo di tempo varia da 12 a 24 mesi dalla data di confezionamento, a patto che il prodotto sia stato conservato con cura e risulti integro.

Invece, la data di scadenza è quella che deve essere necessariamente preceduta dalla nota “consumarsi entro il” e viene riportata sopra agli alimenti soggetti a rapido deterioramento, come la verdura, la frutta e vari altri cibi. Quindi, è in questi casi che bisognerebbe rispettare la data presente sulla confezione, in quanto un consumo oltre la stessa potrebbe comportare conseguenze per l’organismo.

Al contrario, il caffè, siccome fa parte dei TMC e vieni quindi disidratato ed essiccato, non deve destare preoccupazione, a parte, ovviamente, nel caso in cui fossero trascorsi periodi lunghissimi, come 10 anni.

Cosa fare quando le capsule scadono?

Come spiegato nel paragrafo precedente, il caffè non scade e quindi, il consiglio è quello di procedere all'assaggio, dopo aver verificato che la confezione sia integra e in buono stato. 

Una volta accertati questi parametri, potremo procedere alla preparazione (qui puoi leggere i nostri consigli per preparare un caffè perfetto), osservando la quantità di schiuma e, soprattutto, il sapore, dal quale potremo inevitabilmente notare un notevole calo aromatico. 

A parte il gusto che potrebbe essere poco gradevole, non vi sono reali motivi per buttarlo, in quanto il suo consumo, oltre alla data prefissata, non è pericoloso per la salute.

Contro gli sprechi: cosa fare quando il caffè risulta "sgradevole"?

Nel malaugurato caso in cui il caffè non dovesse aver superato la prova assaggio, non dovremmo buttarlo! 

Esistono moltissimi modi con cui è possibile recuperarlo, potendo evitare gli sprechi e godere delle sue numerose proprietà.

  • additivo per le piante: mescolando il caffè con il terriccio potremo aumentarne le proprietà, facendo un bel regalo ai nostri vegetali;
  • nemico numero uno delle formiche: non tutti sanno questo pregio oscuro del caffè. Infatti, sia le dimensioni contenute che il suo odore, gli permetteranno di scacciare le formiche, in quanto eviteranno di passarci sopra. Questo trucco è molto utile per allontanarle da piante e/o dalle finestre di casa;
  • deodorante per ambienti: nel malaugurato caso in cui la nostra abitazione dovesse presentare cattivi odori all'interno di cassetti o armadi, utilizzandone una piccola quantità in un sacchetto si potrebbe contribuire a cacciarli via. Inoltre, posizionandolo all'interno del frigorifero, è possibile creare un vero e proprio cattura cattivi odori, molto utili in questi ambienti;
  • pulire il caminetto: la polvere di caffè è molto utile per evitare che la ceneri si sollevi mentre la si sta pulendo. Basta cospargerla e pulire normalmente con una scopetta o con l'aspirapolvere.

A proposito di recupero: se hai bevuto il tuo caffè e ti rimane solamente l’involucro, qui puoi scoprire altri modi per riutilizzare le capsule del caffè

Concludendo, al contrario degli alimenti come frutta, verdura e carne, il caffè scaduto non deve destare preoccupazione; nel malaugurato caso in cui dovesse presentare un sapore orribile, può invece essere riutilizzato per gli scopi citati sopra.

115.000 clienti soddisfatti

Presenti sul web dal 2014

Spedizioni in 3 giorni lavorativi
Gratuita sopra i 29,00 €

Pagamento alla consegna, carta di credito o PayPal